Galactic British Empire: il meraviglioso gioco stampato in 3D

GBE Galactic British Empire - RoboTommy MkIV Robotic Assistant | stampa 3D MonzaMakers

Galactic British Empire: il meraviglioso gioco stampato in 3D

C’erano una volta i Playmobil e i Lego, che hanno stimolato la creatività di intere generazioni e che hanno permesso ad adulti e bambini di tutto il mondo di giocare, inventarsi storie e viaggiare con la fantasia. Ora c’è il Galactic British Empire!
L’Impero Britannico Galattico è un’invenzione di Juggling with Jelly – Adventures in creative tech: è praticamente un mondo fantascientifico, ovviamente ambientato nello spazio, composto da robot, navicelle spaziali di ogni tipo, basi stellari, pianeti e veicoli. Un mondo pensato per essere interamente stampato in 3D a proprio piacimento.
Per disporre del Galactic British Empire e per giocarci basta scaricare i file 3D che il creatore ha messo a disposizione gratis su Thingiverse e Cults3D (per trovarli tutti basta cercare GBE, ovvero la sigla di Galactic British Empire, oppure basta proseguire nella lettura di questo articolo fino ai bottoni di download gratuito), stampare il tutto in 3D con la propria stampante e… far lavorare la fantasia!
Per spiegare bene l’idea di Juggling with Jelly abbiamo tradotto in italiano l’ingegnosa storia che spiega le origini del Galactic British Empire. Eccola (in corsivo)!
“Fin dalla creazione del Newton Orbital Wormhole Terminal, la Marina Galattica Reale Britannica ha passato al setaccio la galassia in cerca di pianeti ricchi di minerali da saccheggiare e razze aliene da schiavizzare. “Dio salvi la Regina”! Il primo di questi pianeti da includere nei domini interplanetari dell’Impero Britannico, chiamato Elizabetopia, è stato fondato poco dopo che la prima missione di esplorazione della Marina Galattica, con la navicella HMS Trevithick, toccò terra con il suo equipaggio formato da tre emissari pesantemente armati”.
“La HMS Trevithick, nella sua gloriosa missione di rivendicazione di nuovi ricchi territori per l’Impero e di sottomissione di tutte le razze aliene moleste incontrate per la strada, fu comandata abilmente dal capitano Henry Brooklands-Smythe. Con lui i suoi due compagni di viaggio, il professor Reginald Syngen-Bathlethwaite e tale Ensign Brown. Avendo fondato e chiamato il pianeta Elizabetopia in onore di Sua Maestà la Regina conquistando i primitivi indigeni che brandivano bastoni utilizzando complicate strategie militari, il pensiero laterale, un intelletto superiore… e soprattutto un enorme arsenale di armi laser che si era portato per il viaggio, Brooklands-Smythe fu proclamato eroe dell’Impero. Sfortunatamente, però, poco tempo dopo fu sbranato mentre curava la sua igiene personale di fianco a un animale autoctono che aveva erroneamente giudicato innocuo. L’Orso Sanguinoso Incazzato dei Cespugli, come fu chiamato da quel momento, è stato successivamente cacciato fino al limite dell’estinzione”.
GBE Galactic British Empire - Trevithick Class Starship | stampa 3D MonzaMakers
“Il professor Syngen-Bathlethwaite rimase sul pianeta per supervisionare la creazione della stazione spaziale Faraday, l’attuale base operativa della Marina Galattica sul pianeta, e poi assunse il comando della Trevithick e partire con Ensign Brown per continuare l’eroica missione. L’ultima comunicazione del professor risale a 6 giorni dopo la partenza: “Il capitano Syngen-Bathlethwaite segnala [crepitio] il viaggio procede in tutta tranquillità fino ad ora [sibilo] stiamo constatando un sacco di interferenze nelle comunicazioni [scoppio] stiamo andando a verificare la possibile fonte di questi problemi [rumore di fondo]…”. Nessuna traccia della Trevithick o del suo equipaggio fu mai ritrovata”.
“La nave spaziale Trevithick fu derivata dall’originale HMS Trevithick. Fu implementata con un certo numero di miglioramenti strutturali, uno dei quali fu il modello VS che fu sottoposto a qualche cambiamento fondamentale nella progettazione per aiutare la produzione di massa e contribuire ad aumentare la crescita della Marina Galattica e quindi dell’Impero stesso. Questa tipologia di navicella è stata poi sostituita da una nave di esplorazione di frontiera, ma molti esemplari di quelle navicelle rimangono tuttora in servizio nella Marina Galattica”.
GBE Galactic British Empire - RoboTommy MkIV Robotic Assistant | stampa 3D MonzaMakers
“Oggi la stazione spaziale Faraday è un crocevia di traffico, mentre il lavoro prosegue sull’array Future Unified Stepping Stone in orbita attorno al pianeta, che un giorno permetterà a navi molto più grandi di decollare tramite condotti spazio-temporali più grandi. La gran parte della mansioni manuali o pericolose sulla base spaziale vengono eseguite dagli instancabili e versatili assistenti robotica RoboTommy Mk IV abilmente gestiti dal potenziato RoboTommy RED-01 (quello rosso), dotato di Intelligenza Artificiale”.
“Qui nel Galatic British Empire il lavoro manuale non è qualcosa destinato alle classe dominanti. Per questo motivo, per chi può permetterselo, è stato creato l’assistente robotico RoboTommy. Questa versatile macchina può facilmente adattarsi a svolgere mansioni manuali o pericolose, specialmente quando viene usato come strumento di ampliamento della piattaforma spaziale. La Marina Galattica è diventata in pratica il maggior cliente di RoboTommy e ha finanziato e diretto gli sviluppi sulle unità militari”.
GBE Galactic British Empire | stampa 3D MonzaMakers
“In seguito a un richiamo di massa delle prime unità produttive a causa del rischio di incendio; la seconda versione comprendeva una serie di migliorie dal punto di vista della sicurezza. Ma avvenne anche il richiamo della seconda versione dopo alcuni casi di Roboticidio e sono stati introdotti nuovi protocolli software e un nuovo sistema operativo crittografato come aggiornamento obbligatorio. Il MkIV è appunto l’ultima incarnazione di questo utile mini on e include una serie di ulteriori miglioramenti mirati a prolungare la vita utile delle unità quando queste operano fuori dal pianeta”.
“La navicella spaziale Brunel è la navicella con cui la Marina Galattica ha sostituito l’anziana Trevithick, ora in uso in tutto l’Impero, che offre una maggiore capacità di carico e di passeggeri e una tecnologia più efficiente. La nave ammiraglia della flotta, la HMS Britannia, è una versione adattata del Brunel e presta inoltre servizio come volo privato dei Reali”.
GBE Galactic British Empire | stampa 3D MonzaMakers
“Nel tentativo di affrontare le crescenti preoccupazioni riguardo alla pirateria e all’ammutinamento nelle zone più periferiche dell’Impero, la Marina ha deciso che la prudenza non è mai troppa e ha quindi commissionato la produzione delle navicelle spaziali da combattimento Whittle, che possono essere impiegato in gran numero per proteggere gli interessi della Corona”.
“Il ciclo di progettazione è stato completato in tempi record e ha permesso al pilota collaudatore ‘senza paura’ della Marina, il tenente colonnello Tom Jackson di svolgere i test di volo necessari. Dopo essersi schiantato in fase di decollo dall’impianto di assemblaggio, il ‘coraggioso’ Tom Jackson ha fatto fuori anche il secondo prototipo durante le prove sperimentali. Il terzo prototipo ha dimostrato di avere meno problemi rispetto a quelli che ‘l’impavido’ Tom Jackson ha rilevato nel secondo prototipo e che ne hanno causato lo schianto, e ha quasi completato i test prima che ‘l’eroico’ Tom Jackson finì contro la torre di controllo”.
“Il resto della fase di test, che si è svolto durante la convalescente del ‘coraggioso’ tenente colonnello Tom Jackson, è andato tutto sommato per il verso giusto e le navicelle Whittle sono diventate operative nella Marina del Galactic British Empire”.
Di seguito tutti i bottoni per il download immediato e gratuito di tutti i file 3D in formato STL del Galactic British Empire.

Scarica gratis tutti i file 3D del Galactic British Empire

1) GBE: RoboTommy MkIV Robotic Assistant
GBE Galactic British Empire - RoboTommy MkIV Robotic Assistant | stampa 3D MonzaMakers

2) GBE: PowerRT Charging Station
GBE Galactic British Empire - PowerRT Charging Station | stampa 3D MonzaMakers
GBE Galactic British Empire - PowerRT Charging Station | stampa 3D MonzaMakers

3) GBE: Service Trucks
GBE Galactic British Empire - Service Trucks | stampa 3D MonzaMakers
GBE Galactic British Empire - Service Trucks | stampa 3D MonzaMakers

4) GBE: Landing Pads & Service Roads
GBE Galactic British Empire - Landing Pads & Service Roads | stampa 3D MonzaMakers
GBE Galactic British Empire - Landing Pads & Service Roads | stampa 3D MonzaMakers
GBE Galactic British Empire - Landing Pads & Service Roads | stampa 3D MonzaMakers

5) GBE: Trevithick Class Starship
GBE Galactic British Empire - Trevithick Class Starship | stampa 3D MonzaMakers

6) GBE: Rapid Air Transport
GBE Galactic British Empire - Rapid Air Transport | stampa 3D MonzaMakers

7) GBE: Whittle Class Starfighter
GBE Galactic British Empire - Whittle Class Starfighter | stampa 3D MonzaMakers

8) GBE: Brunel Class Starship
GBE Galactic British Empire - Brunel Class Starships | stampa 3D MonzaMakers

9) GBE: Avenger StarFighter
GBE Galactic British Empire - Avenger StarFighter | stampa 3D MonzaMakers

10) GBE: Miscellaneous Accessory Set 1 (accessori)
GBE Galactic British Empire - Miscellaneous Accessory Set 1 | stampa 3D MonzaMakers

Ti è stato utile questo articolo? L’hai trovato scontato? Hai qualcosa da aggiungere? Condividilo sui social network e/o lascia un commento!
Galactic British Empire: il meraviglioso gioco stampato in 3D ultima modifica: 2017-10-17T14:11:05+00:00 da Fabrizio Scalco

Share this post