Cosa bolle in pentola? Il nuovo progetto di MonzaMakers tra musica e stampa 3D

Musica e stampa 3D | MonzaMakers

Cosa bolle in pentola? Il nuovo progetto di MonzaMakers tra musica e stampa 3D

Circondati da stampanti 3D di ogni tecnologia, tutto il giorno siamo immersi in un mondo di ronzii, stridii, vibrazioni e clangori vari. Ci siamo chiesti se in questo caso valga il contrappasso e se oltre ai tanti rumori la stampa 3D possa essere in qualche modo legata a suoni più armonici. In sostanza: musica e stampa 3D possono trovare un punto di congiunzione?
Le applicazioni sono davvero infinite: elencarle è limitante perché la stampa 3D permette la personalizzazione estrema di un prodotto, dà la possibilità di creare un pezzo unico. Pertanto nella musica come in qualsiasi altro settore si può spaziare e far lavorare la fantasia per sfornare prodotti innovativi, interessanti, totalmente customizzati.
Anche noi di MonzaMakers in passato abbiamo creato diversi prodotti che unissero musica e stampa 3D. Abbiamo persino stampato in 3D e venduto diversi plettri che – stando al feedback del cliente – sono addirittura più solidi e durevoli dei plettri della Fender. O ancora abbiamo stampato in 3D l’amplificatore per smartphone della linea EumakeIt, acquistabile ora sul nostro shop online (cliccando qui).
Ma per dimostrare al meglio che musica e stampa 3D sia un connubio interessante ci serviva qualcosa che andasse oltre la semplice oggettistica. Per questo abbiamo lavorato faticosamente a un progetto più strutturato che ha già trovato parecchi riscontri positivi tra gli addetti ai lavori e gli esperti del settore musicale.
Cosa bolle nella pentola di MonzaMakers? È ancora presto per entrare nel dettaglio, vi sveleremo tutto martedì 6 dicembre. Non vi resta che seguirci!
Ti è stato utile questo articolo? L’hai trovato scontato? Hai qualcosa da aggiungere? Condividilo sui social network e/o lascia un commento!
Cosa bolle in pentola? Il nuovo progetto di MonzaMakers tra musica e stampa 3D ultima modifica: 2016-11-24T12:10:51+00:00 da Fabrizio Scalco

Share this post