3D Hubs Trend Report: i dati aggiornati sulla stampa 3D nel mondo

3D Hubs Trend Report

3D Hubs Trend Report: i dati aggiornati sulla stampa 3D nel mondo

Lo stavamo aspettando e finalmente è stato pubblicato: il 3D Hubs Trend Report relativo al trimestre luglio-agosto-settembre 2016 regala tante conferme e alcune succose novità sulla stampa 3D e la sua diffusione nel mondo.
La ricerca, bisogna sempre specificarlo, è basata esclusivamente sugli utenti del sito 3D Hubs, ovvero sugli oltre 7.300 servizi di stampa registrati in più di 150 Paesi nel mondo.

DISTRIBUZIONE DELLA SPESA

Il primo dato analizzato nel 3D Hubs Trend Report del trimestre è relativo ai settori serviti dalla stampa 3D. Come si evince dal grafico, la percentuale maggiore del lavoro dei servizi di stampa 3D è destinata al settore del design industriale (9,8%), seguito sul podio dall’architettura (8,5%) e dal settore dei sensori e degli strumenti tecnici (8,2%). Vengono evidenziati altri settori specifici, i primi 10, ma vista la grandissima potenzialità di personalizzazione della stampa 3D, si può notare come gli ‘altri settori’ (ovvero quelli che singolarmente occupano meno del 2,5% dei servizi di stampa) sommati raggiungono invece quasi la metà del mercato mondiale (46,1%).
3D Hubs Trend Report

COSTO MEDIO DEGLI ORDINI PER SETTORE

È interessante capire quanto il cliente finale (l’azienda) spenda in media per ogni singolo ordine. Nel 3D Hubs Trend Report il dato è ancora più specifico e analizza la spesa media di ogni singolo ordine per settore. Il settore che ‘costa’ di più è quello dei sensori e degli strumenti tecnici: la media degli ordini si attesta poco sopra ai 450 dollari statunitensi. Segue, ma parecchio staccato, il settore della manifattura elettronica (poco meno di 300$) e completa il podio il settore dell’architettura (poco sopra i 300$). Tutti gli altri settori, a partire dal quarto, l’automotive, si attestano a meno di 300$.
3D Hubs Trend Report

VALORE MEDIO DEGLI ORDINI PER DIMENSIONI DELL’AZIENDA

Questo dato è davvero curioso, perché il 3D Hubs Trend Report evidenzia che le differenze per le aziende sotto i 10mila dipendenti (quindi aziende gigantesche) il valore medio degli ordini cambia di pochissimo: tutti sono compresi tra i 150 e i 300 dollari americani. Per le aziende sopra i 10mila dipendenti, invece, il valore medio si attesta a 600 dollari.
3D Hubs Trend Report

STAMPANTI 3D DESKTOP PIÙ APPREZZATE

In cima alla classifica si posiziona la Original Prusa i3 MK2: un debutto coi fiocchi, visto che si tratta di una new entry. A dire la verità, però, è stata votata da poche persone (215: nella top 20 solo la Ultimaker 2+ Extended ne ha ricevuti di meno, 213). Dopo di lei si sono piazzate la BCN3D Sigma (staccata di pochissimo) e appunto la Ultimaker 2+ Extended. Merita però una citazione la quarta classificata, la Form 2 a tecnologia SLA, che potrebbe essere considerata la vincitrice morale visti i tantissimi voti ricevuti (1109).
3D Hubs Trend Report

STAMPANTI 3D INDUSTRIALI PIÙ APPREZZATE

Classifica giustamente separata è quella relativa alle stampanti 3D industriali. Qui a spuntarla sulle concorrenti è la ProJet 3500 HDMax (Jetting), che oltre a essere una delle più votate a livello quantitativo, conquista anche la vetta con una media impressionante di 4,94 stelle su 5. Dietro di lei, con una valutazione molto alta ma frutto di un quarto dei voti, è la Objet 260 Connex (PolyJet). Completa il podio la Objet 260Eden (PolyJet).
3D Hubs Trend Report

STAMPANTI 3D PIÙ VENDUTE

Nel trimestre luglio-agosto-settembre 2016 sono state premiate le novità. Le prime 4 stampanti 3D più vendute sono infatti nuovi modelli. Al primo posto c’è la Original Prusa i3 MK2, che ottiene un’incredibile crescita del 720% su base trimestrale. Al secondo posto c’è la Wanhao Duplicator i3 V2 con un +225% e al terzo la Lulzbot Taz 6 con il +205,9%. Quarta la new entry FlashForge Finder (+78,8%), mentre la prima delle ‘vecchie’ stampanti 3D è la Ultimaker 2+, quinta in classifica con un +68,5%.
3D Hubs Trend Report

LE CITTÀ PIÙ ATTIVE

La lettura di questi dati del 3D Hubs Trend Report è la più semplice di tutte. La classifica delle città più attive è dominata da New York, che vanta ben 553 servizi di stampa 3D, seguita da Los Angeles con 439 e dalla prima delle città europee, Londra, con 389 servizi di stampa 3D. Altre due città europee, che seguono direttamente Londra, superano quota 300. Sono Parigi (338) e Milano (319). Sesta invece è Amsterdam, che si attesta a 295, ma il tasso di crescita su base mensile è il più elevato di tutti e sembra destinata a superare Milano (e forse Parigi) in breve tempo.
3D Hubs Trend Report

BRAND DI STAMPANTI 3D PIÙ VENDUTI

Al primo posto si conferma la Ultimaker, già leader del 3D Hubs Trend Report dello scorso trimestre. Il colosso olandese precede di quasi un punto percentuale la statunitense MakerBot. Terzo posto per la 3D Systems.
3D Hubs Trend Report

STAMPANTI PIÙ UTILIZZATE PER REGIONE

Qui sotto si possono consultare i dati del Nord America, dell’Asia e del Pacifico, del Sud America e dell’Europa. Quest’ultimo è il continente che più ci interessa e i dati rivelano che il modello più utilizzato è la Prusa i3 (9,8%), seguita dalla Ultimaker 2, dalla Zortrax M200, dalla Ultimaker Original Plus e dalla MakerBot Replicator 2.
3D Hubs Trend Report

PREFERENZE SUL COLORE

Dato curioso: il colore scelto dai clienti per le stampe commissionate ai servizi di stampa 3D. Il 3D Hubs Trend Report rivela che il colore prediletto sia il bianco, che scavalca il nero e raggiunge il 29,7%. Al terzo posto c’è il blu, seguito dal rosso, dal trasparente, dal verde, dal grigio, dall’arancio, dal giallo, ecc ecc.
3D Hubs Trend Report
Ti è stato utile questo articolo? L’hai trovato scontato? Hai qualcosa da aggiungere? 
Condividilo sui social network e/o lascia un commento!
3D Hubs Trend Report: i dati aggiornati sulla stampa 3D nel mondo ultima modifica: 2016-10-08T15:56:05+00:00 da Fabrizio Scalco

Share this post