Stampa 3D anti-crisi: incredibile crescita del settore

Stampa 3D anti-crisi: incredibile crescita del settore

Trovare un ambito lavorativo in crescita in tempi di crisi come quello che stiamo attraversando dal 2007/2008 è davvero difficile. Il consumatore, che vede a rischio i propri risparmi, tende a conservare piuttosto che spendere e se ci aggiungiamo che il mercato ormai sia influenzato dalla produzione nei Paesi in via di sviluppo con manodopera pagata meno e di conseguenza il prodotto finito costerà inevitabile meno (e quindi sarà più appetibile), il quadro è completo.
C’è tuttavia un settore che più di altri, ovunque, è in nettissima crescita: la stampa 3D, ovviamente.
Secondo i dati forniti dai ricercatori di IDC (International Data Corporation), la vendita di stampanti 3D, la vendita di materiali e l’attività dei service sta seguendo un trend decisamente positivo, destinato ad avere il segno + per almeno altri 4 anni.
Il mercato statunitense è esemplificativo: IDC ha registrato, per quanto riguarda il 2015, una crescita del 20% rispetto all’anno precedente relativamente al commercio di stampanti e materiali e alla produzione nei service di stampa; la mole di questo mercato arriverà a 2,5 miliardi di dollari. Inoltre il Compound annual growth rate (CAGR) relativo a questa fetta di mercato – stando a quanto riportato dal 3D Printer Forecast 2016-2020 di IDC – è destinato a crescere di più del 16% da qui al 2020.
Fa ancora più impressione il dato sulla crescita dei ricavi stimata entro il prossimo quadriennio. Nel 2015 il mercato dell’hardware di stampa 3D ammontava a 815 milioni di dollari. Nel 2020 sarà più che raddoppiato: raggiungerà la quota di 1,96 miliardi di dollari.
Premettendo che i dati riportati sopra riguardino il mercato della stampa 3D professionale – e non quello delle stampanti 3D consumer (o desktop) che crescerà del 12% fino al 2020 rimanendo però un mercato piccolo ‘di nicchia’ – la tecnologia più diffusa rimane sempre la FDM (Fused Deposition Modeling). Lo scorso anno del totale delle stampanti 3D vendute e spedite negli Stati Uniti, ben il 76% era di tecnologia FDM/FFF.
Oggetto prodotto tramite stampa 3D a tecnologia FDM (Fused Deposition Modeling).
Ti è stato utile questo articolo? L’hai trovato scontato? Hai qualcosa da aggiungere? 
Condividilo sui social network e/o lascia un commento!
Stampa 3D anti-crisi: incredibile crescita del settore ultima modifica: 2016-07-04T15:32:08+00:00 da Fabrizio Scalco

Share this post