Vertebra stampata in 3D per guarire il tumore: prima volta al mondo

Vertebra stampata in 3D per guarire il tumore: prima volta al mondo

Sul nostro blog abbiamo appena parlato della Prima Conferenza Internazionale sulla stampa 3D applicata alla medicina, spiegando anche i tantissimi e rapidissimi progressi nel campo della prototipazione rapida in ambito clinico. Ma ha dell’incredibile quanto successo dall’altra parte del mondo: la notizia arriva dall’Australia (è stata riportata da ABC News): per la prima volta nella storia una vertebra stampata in 3D è stata impiantata nel collo di un paziente per sostituire una vertebra ossea colpita da un cancro e precedentemente rimossa.
Di fatto al paziente, ovvero al signor Drage Josevski di origine macedone, è stata salvata la vita grazie alla stampa 3D. E grazie a quello che è diventato il suo eroe personale dopo la delicatissima operazione durata ben 15 ore: il neurochirurgo Ralph Moss, che negli attimi precedenti all’intervento aveva spiegato con un pizzico di tensione: “Si tratta di una parte del corpo molto esposta in cima al collo, dove si incontrano il collo e la testa. L’operazione prevede praticamente che al paziente venga staccata la testa, il tumore sia rimosso e infine la testa sia riattaccata di nuovo al collo”.
Facciamo chiarezza. Il signor Josevski era affetto da una pericolosissima forma di tumore: il cordoma, un cancro extradurale osseo che attecchisce per l’appunto o nella parte intracranica o nella parte spinale. Nel suo caso il terribile male è stato localizzato nelle prime due vertebre e la diagnosi del dottor Mobbs era veramente spaventosa: “Se non venisse operato e rimosso un cancro del genere il paziente affronterebbe una morte davvero orribile: poco a poco perderebbe la l’uso delle braccia e delle gambe e gradualmente perderebbe anche le capacità di respirare e mangiare. Non è una morte piacevole”.
Veniamo all’operazione: il lungimirante dottor Mobbs, dopo aver pensato a lungo sul da farsi e aver analizzato le possibili alternative chirurgiche, ha commissionato una vertebra stampata in 3D su misura. E l’intervento di rimozione e sostituzione è andato perfettamente, eccezion fatta per una piccola complicazione dovuta al fatto che il signor Josevski sia rimasto forzatamente per 15 ore con la bocca aperta e per questo ha qualche difficoltà a parlare e mangiare, ma in pochi mesi si sistemerà tutto; il tumore è stato infatti asportato tramite la cavità orale.
In Australia la prima vertebra stampata in 3D per guarire un paziente dal tumore.
I risultati, non certo casuali, hanno pienamente soddisfatto i medici: “Abbiamo progettato la protesi affinché si adattasse perfettamente allo spazio lasciato dalla rimozione del tumore. E devo dire che con il senno del poi la vertebra stampata in 3D calza come un guanto e ha dato stabilità alla testa permettendole… di non cadere!”, ha dichiarato estremamente soddisfatto il dottor Mobbs.
Estremamente soddisfatte, naturalmente, anche la moglie e la figlia del paziente, Lila e Tanya Josevska. Quest’ultima ha raccontato commossa: “È stato molto difficile per papà. Non sapevamo cosa avrebbe dovuto passare, non sapevamo quale sarebbe stato il risultato, non sapevamo a quali complicazioni avrebbe potuto andare incontro, non sapevamo se sarebbe morto durante l’intervento. I medici ci hanno spiegato tutto, ma non si sa mai. Adesso però mio padre è felicissimo perché assisterà al mio matrimonio e potrà vedere crescere i suoi nipoti… questi sono i motivi per cui ha accettato di sottoporsi all’operazione per impiantare la vertebra stampata in 3D”.
Visibilmente entusiasta per il successo dell’operazione condotta e per la precisione della vertebra progettata e stampata in 3D dalla società vittoriana Anatomics, il dottor Mobbs ha detto la sua sull’applicazione della prototipazione rapida alla medicina: “La stampa 3D di parti del corpo è la prossima fase dell’assistenza sanitaria personalizzata. Per ripristinare ossa, articolazioni e organi con questo tipo di tecnologia è davvero super eccitante e suppongo che l’Australia sia un Paese intelligente e punti su questo. È la nostra occasione per spostare i limiti del trapianto delle parti del corpo, puntando tutto sulla stampa 3D”.
Ti è stato utile questo articolo? L’hai trovato scontato? Hai qualcosa da aggiungere? 
Condividilo sui social network e/o lascia un commento!
Vertebra stampata in 3D per guarire il tumore: prima volta al mondo ultima modifica: 2016-02-22T11:46:37+00:00 da Fabrizio Scalco

Share this post